• Tutela dei consumatori - Indennizzi e risarcimenti -

8 aprile 2019

Compensazione ai passeggeri in caso di negato imbarco, di cancellazione o di ritardo prolungato del volo: la Corte di Giustizia chiarisce la nozione di nozione di "circostanza eccezionale"

Un vettore aereo è tenuto a versare una compensazione pecuniaria ai passeggeri per un ritardo di durata pari o superiore a tre ore in caso di danneggiamento di uno pneumatico dell’aeromobile dovuto alla presenza di una vite sulla pista di decollo o di atterraggio soltanto qualora non si sia avvalso di tutti i mezzi di cui dispone per limitare il ritardo del volo.

Questo contenuto è riservato agli abbonati. Se già disponi di un accesso valido clicca qui per autenticarti.
In caso contrario è possibile contattare i numeri 06.56.56.7212 o 392.993.6698, inviare una richiesta al servizio clienti o consultare le formule di abbonamento.