• Privacy

Facebook annuncia la creazione di un organismo di vigilanza indipendente

30 settembre 2019

Facebook ha recentemente fornito ulteriori informazioni sulla struttura dell’“Oversight Board”, un organismo indipendente che collaborerà con il noto social network e con un costituendo trust al fine di svolgere un’azione di controllo ed eventuale rimozione dei contenuti inappropriati presenti sulla piattaforma.
  • Tutela dei consumatori - Pratiche scorrette

Vendita di impianti fotovoltaici: l'Antitrust sanziona Green Style, Fiditalia S.p.A. e Santander Consumer Bank S.p.A per pratiche commerciali scorrette

30 settembre 2019

L'Autorità garante della concorrenza e del mercato ha chiuso il procedimento istrutttorio avviato per presunte pratiche scorrette nel mercato della vendita di impianti fotovoltaici, applicando alle società Green Style Energie Rinnovabili S.r.l. (GSER) ed alle finanziarie Fiditalia S.p.A. e Santander Consumer Bank S.p.A. multe di importo diverso in ragione del differente comportamento tenuto dalle stesse.
  • Tutela dei consumatori - Clausole vessatorie e abusive

Clausole contrattuali abusive nei contratti stipulati con i consumatori: la Commissione pubblica una comunicazione orientativa

27 settembre 2019

La Commissione europea ha pubblicato sulla G.U.U.E. 27 settembre 2019, n. C323 una Comunicazione recante gli “Orientamenti sull'interpretazione e sull'applicazione della direttiva 93/13/CEE del Consiglio concernente le clausole abusive nei contratti stipulati con i consumatori”.
  • Tutela dei consumatori - Aspetti generali

Prodotti ortofrutticoli destinati alla vendita al consumatore come prodotti freschi. La CGUE si esprime sul concetto di “paese di origine” in etichetta

26 settembre 2019

di Annalisa Spedicato Recentemente, la Corte federale tedesca si è rivolta alla Corte di Giustizia dell’UE sollevando quattro questioni pregiudiziali riferite all’interpretazione di una serie di disposizioni del diritto dell’Unione relative al paese di origine di prodotti ortofrutticoli destinati alla vendita al consumatore come prodotti freschi.
  • Concorrenza - Aspetti generali

Cooperazione e riduzione delle sanzioni anche al di fuori dei casi di cartello

26 settembre 2019

di Roberto A. Jacchia e Marco Stillo Qualora intenda adottare una decisione ai sensi dell'articolo 7[1] e/o dell'articolo 23[2] del Regolamento (CE) n. 1/2003, la Commissione dispone di un ampio margine di discrezionalità nel valutare e ricompensare la cooperazione delle parti alla propria attività istituzionale. Ad esempio, qualora un’impresa sia disposta a porre fine alla propria partecipazione ad un cartello[3] e a collaborare ad un’indagine indipendentemente dalle altre imprese coinvolte, la Commissione può concederle un'immunità totale o parziale dalle ammende (leniency)[4] che le sarebbero altrimenti state inflitte a condizione che essa a) riveli la sua partecipazione al cartello; b) sia la prima a fornire informazioni ed elementi probatori alla Commissione; e che c) le informazioni fornite consentano alla Commissione di effettuare un’ispezione mirata oppure di constatare una violazione dell’articolo 101 del Trattato sul funzionamento dell’Unione Europea (TFUE).