• Tutela dei consumatori - Pratiche scorrette

Integratori alimentari e prodotti sostitutivi dei pasti a marchio JuicePlus+ tramite gruppi segreti Facebook: l’Antitrust applica una sanzione di un milione di euro per pratiche commerciali scorrette

15 aprile 2019

Con il Provvedimento 27 marzo 2019, n. 27612, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 15/2019, l'Autorità garante della concorrenza e del mercato, ha chiuso il procedimento PS11050, disponendo l'applicazione di una sanzione da un milione di euro nei confronti delle società appartenenti al gruppo Juice Plus, che è un importante operatore a livello mondiale nel settore della vendita di integratori e prodotti sostitutivi di pasti per il controllo del peso.
  • Privacy

Basta l'installazione del software spia sul telefono di un altro perché si configuri il reato di cui all'art. 617-bis cod. pen. non essendo necessaria l’effettività della lesione

16 giugno 2019

Con una recente pronuncia la Corte di Cassazione si è espressa ancora una volta in materia di riservatezza del traffico di dati telefonici. Nella fattispecie, oggetto della questione è stata l’installazione di un software spia su uno smartphone, idoneo ad intercettare le conversazioni telefoniche della vittima. Vittima che, nel caso di specie, era la moglie dell’imputato.
  • Concorrenza - Intese

Risarcimento del danno causato da un’intesa vietata ai sensi dell’articolo 101 TFUE. La Corte di Giustizia chiarisce la nozione di "impresa" alla luce del criterio della continuità economica

15 aprile 2019

di Roberto A. Jacchia e Sara Capruzzi In data 14 marzo 2019, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea si è pronunciata nella causa C-724/17, Vantaan kaupunki contro Skanska Industrial Solutions Oy, NCC Industry Oy, Asfaltmix Oy, sull’interpretazione dell’articolo 101 del Trattato sul Funzionamento dell’Unione Europea (TFUE) e del principio di effettività del diritto dell’Unione, relativamente alle norme dell’ordinamento finlandese applicabili alle azioni di risarcimento per violazione del diritto della concorrenza dell’Unione.
  • Pubblicità

Limiti alla pubblicità sanitaria nella legge di bilancio e segnalazioni in caso di violazioni da parte degli Ordini all'AGCOM. Secondo l'Antitrust si torna indietro e si creano conflitti tra le Autorità Garanti

15 aprile 2019

di Annalisa Spedicato In base a quanto previsto dalla nuova legge di bilancio, le professioni sanitarie non possono più usare la leva della pubblicità, ma solo comunicazioni informative; tuttavia, a parere dell'Antitrust si tratta di norme regressive
  • Privacy

"Effetto GDPR": Google sanzionata per 50 milioni di euro dal CNIL

11 aprile 2019

di Anna Maria Lorito A circa nove mesi dall’entrata in vigore del Regolamento UE 679/2016 (GDPR), al di là dei nuovi risultati in termini di adeguamento e sicurezza, si iniziano a comminare anche le prime sanzioni: a farne le spese c’è stato anche Google, che ha ricevuto, il 21 gennaio 2019, una sanzione di 50 milioni di euro da parte dell’autorità garante francese (Commission Nationale de l'Informatique et des Libertés - CNIL)[1].
  • Privacy

AGCOM, protezione dei dati: andare oltre al GDPR nell’ecosistema della big data economy

11 aprile 2019

di Maria Alessandra Monanni "Promuovere un approccio trasversale e multidisciplinare da parte delle Istituzioni e delle Autorità di controllo e di regolamentazione di settore, da un lato nel guidare e vigilare sull’attuazione del regolamento, dall'altro nell’adeguare la regolamentazione all’incessante evoluzione delle tecnologie e dei processi della società digitale".
  • Tutela dei consumatori - Pratiche scorrette

Metodo Panzironi: l’Antitrust avvia un procedimento per inottemperanza alla precedente delibera 27325/2018

10 aprile 2019

Con il Provvedimento 20 marzo 2019, n. 27605 l'Autorità garante della concorrenza e del mercato, dopo aver constatato il mancato rispetto della delibera n. 27325 del 13 settembre 2018, è intervenuta nuovamente sulla vicenda relativa al c.d. metodo Panzironi sugli integratori alimentari con presunti effetti terapeutici, ed ha avviato il procedimento per inottemperanza IP317 nei confronti del sig. Adriano Panzironi, della società Life 120 da lui controllata e delle società Welcome Time Elevator S.r.l. e Teleuniverso S.r.l.
  • Concorrenza - Abuso di posizione dominante

La Corte di Giustizia si pronuncia sull’applicazione, nell’ambito della medesima decisione di un’autorità nazionale, di due separate sanzioni per violazione delle norme nazionali e di quelle europee

9 aprile 2019

di Roberta Laghi Con la sentenza del 3 aprile 2019 la Corte di Giustizia dell’UE (CdG) si è pronunciata su un rinvio pregiudiziale da parte della Corte suprema polacca riguardante una vicenda in cui l’autorità nazionale della concorrenza aveva inflitto, con un’unica decisione, due sanzioni ad un’impresa che aveva abusato della propria posizione dominante sul mercato delle assicurazioni-vita per lavoratori in Polonia: una a titolo di violazione delle disposizioni di diritto nazionale della concorrenza (periodo dell’infrazione: 2001-2007), e l’altra a titolo di violazione dell’articolo 102 del Trattato sul Funzionamento dell’UE (TFUE) (periodo dell’infrazione: 2004-2007, in ragione dell’ingresso della Polonia nell’UE avvenuto appunto nel 2004).